Chiara Frigo

www.chiarafrigo.com

Autrice e perfomer si forma e lavora in Italia e all’estero.

Laureata in biologia molecolare, esordisce come coreografa nel 2006 con il solo Corpo in DoppiaElica, con cui vince il terzo premio al 10° Festival Choreographers Miniatures di Belgrado.

Nel 2008 è vincitrice con il solo Takeya della prima edizione del premio GD’A Veneto Anticorpi XL e nello stesso anno la pièce è selezionata all’interno di Aerowaves, network europeo di promozione per artisti emergenti. Tali riconoscimenti le consentono di far circuitare il proprio lavoro in prestigiosi teatri e festival sia nazionali che internazionali.

Nel 2009 è invitata a partecipare a Choreoroam, un progetto di ricerca coreografica sviluppato attraverso residenze sostenute da Operaestate Festival Veneto, The Place (UK), Dansateliers (NL), Dansescenen (DK), Paso a 2-Certamen Coreográfico de Madrid (ES), Dance Week Festival (HR).

Nel 2010 è impegnata in progetti internazionali nati da collaborazioni tra Operaestate Festival Veneto, SNDO - Amsterdam ed è invitata con Takeya al Creative Forum presso la biblioteca di Alessandria d’Egitto. È stata invitata a condividere un percorso di ricerca coreografica tra Italia e Canada nella prima edizione del progetto Tryptich (Operaestate Festival Veneto, Circuit-Est Centre Chorégraphique di Montréal, Dance Centre di Vancouver).

La sua creazione Nonsostare, presentata all’Auditorium Parco della Musica di Roma come progetto finalista del premio Equilibrio, è stata sostenuta da Amat (teatro Annibal Caro di Civitanova Marche), Inteatro Polverigi e Duncan 3.0.

La sua più recente creazione Suite-Hope è stata selezionata tra i vincitori del bando Residences 2011 de La Caldera - Barcelona, sostenuta da CSC - Centro per la Scena Contemporanea - Operaestate Festival e vincitrice del bando REFORM/Danza 2011/2012 - Pim Off, Milano. Suite-Hope è stata inoltre selezionata all’interno del network Anticorpi XL (nella sua versione breve) e nel network europeo Aerowaves 2012.

Attualmente è anche impegnata nel progetto When We Were Old>, nato dalla collaborazione con il coreografo canadese Emmanuel Jouthe. La creazione debutterà ad Aprile 2013 presso l’Agora de la Danse di Montréal nell’ambito di Tangente.